• Logo Orion

    nulla dies sine linea

Conservazione registri ambiente

Il registro di carico e scarico deve essere conservato presso ogni impianto o unità locale ove avviene effettivamente la produzione, lo stoccaggio, il recupero o lo smaltimento dei rifiuti oppure, presso la sede legale dei trasportatori, commercianti o intermediari (art. 190 comma 3 Decreto Legislativo n° 152/2006).


Il Testo Unico Ambientale (Decreto Legislativo n° 152/2006) prevede la possibilità, in alcuni casi, ovvero per i soggetti la cui produzione annua NON supera le 10 tonnellate di rifiuti NON pericolosi e le 2 tonnellate di rifiuti pericolosi, di adempiere all’obbligo di tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti anche tramite le organizzazioni di categoria interessate o loro società di servizi che provvedono ad annotare i dati previsti con cadenza mensile (art. 190 comma 4 Decreto Legislativo n° 152/2006). In tal caso l’Azienda deve tenere presso la propria sede copia dei dati trasmessi.


Le associazioni di categoria non vanno confuse con gli studi professionali e/o di consulenza. La norma, su questo aspetto è chiara: deve trattarsi di associazioni di categoria e non di studi di consulenza o società terze. Le aziende che affidano a queste società terze (diverse quindi dalle associazioni di categoria) la tenuta del registro di carico e scarico sono quindi a rischio sanzionatorio.

    Previous

    Protocollo anticontagio

    Il protocollo anticontagio richiesto dagli Enti Bi...
    Read More
    Next

    Silice libera cristallina

    Dal 24 giugno 2020 le polveri di silice libera cri...
    Read More

    ORION News